Luisa Miller

Melodramma tragico in 3 atti di Giuseppe Verdi, libretto di Salvatore Cammarano tratto dalla tragedia Kabale und Liebe (Cabala e amore; anche: Intrigo e amore; 1782-83) di Johann Christoph Friedrich Schiller.
1a rappresentazione: Napoli, Teatro San Carlo, 8-XII-1849. Personaggi e interpreti: il conte di Walter (basso; Antonio Selva), Rodolfo (tenore; Settimio Malvezzi), Federica (contralto; Teresa Salandri), Wurm (basso; Marco Arati), Miller (baritono; Achille De Bassini), Luisa (soprano; Marietta Gazzaniga), Laura (mezzosoprano; Maria Salvetti), un contadino (tenore; Francesco Rossi).
1a edizione: Milano, Ricordi, 1849.
L'azione ha luogo nel Tirolo nella prima metà del sec. XVII.
ATTO I (L'amore): Luisa Miller e Rodolfo si amano e vogliono sposarsi, ma il padre di Rodolfo, il conte di Walter, ha già combinato per il figlio un matrimonio più “conveniente”. Rodolfo è ben determinato a non cedere e giunge a ricattare il padre: se non potrà sposare Luisa egli lo denuncerà per l'assassinio del cugino, al quale il conte ha così tolto, oltre alla vita, anche titolo e beni.
ATTO II (L'intrigo): Miller, padre di Luisa, è stato arrestato e rinchiuso per aver reagito alle ingiustizie del conte. Il castellano Wurm, innamorato di Luisa, è l'unico che può salvarlo; egli perciò ne approfitta e ricatta la giovane: egli salverà la vita al padre se ella scriverà una lettera a Rodolfo dichiarandogli di non amarlo. Lucia cede e la sua lettera viene recapitata a Rodolfo che, sconvolto, è sul punto di accettare le nozze impostegli.
ATTO III (Il veleno): Luisa, disperata, decide d'uccidersi e scrive un testamento-verità. Miller, venutone in possesso, riesce a dissuaderla convincendola a partire per rifarsi una vita lontano. Quando giunge Rodolfo per chiederle se la lettera corrisponda a verità, Luisa, che aveva giurato di non sconfessare mai il castellano, annuisce. Rodolfo, in preda alla più totale disperazione, versa non visto del veleno in un bicchiere che porge a Luisa: subito dopo beve lui stesso. Luisa si decide a svelare la verità mentre il veleno comincia ad agire. Rodolfo maledice il padre e uccide il castellano Wurm, che è giunto con il conte suo padre; infine Luisa e Rodolfo, privi di forze, muoiono una nelle braccia dell'altro.